1. Il blog.Il Videogame Post” nasce da una idea lasciata nel cassetto per diverso tempo, cioè quella di avere un posto dove poter condividere liberamente la mia idea editoriale sul mondo dei videogame, non fissandosi su uno specifico genere, supper ne abbia di preferiti, ma lasciandosi trasportare, attraverso flash news e approfondimenti, come recensioni e guide, in questo universo in continua espansione.

Quindi in questo blog potrete spaziare e discutere di generi come i giochi di ruolo, fino ai simulatori di guida, dai picchiaduro agli action/adventure, passando per platform e indie, i quali sono diventati ormai un vero e proprio segmento del mercato dei videogame; il tutto ricalca l’esperienza decennale di videogiocatore che mi ha portato a sfrecciare sulla piste della serie Gran Turismo, sconfiggere mostri fin dal primo The Witcher, assaporare le caratteristiche trame dei JRPG quali Legend of Dragoon e Final Fantasy IX, scervellarmi nei platform come Spyro e Crash Bandicoot, oltre che scovare misteri e antiche reliquie di civiltà perdute nella serie Assassin’s Creed (se siete interessati ad approfondire visitate la sezione “chi siamo“).

Perché chiamare il blog “Il Videogame Post?” Oltre al gioco di parole che vuol richiamare a un luogo fisico, ovvero a un “posto”, questo blog mira, come anticipato poco sopra, a coinvolgere tutti i giocatori che non si lasciano scoraggiare dal provare nuovi generi al di fuori dal proprio preferito tramite post e articoli.

2. Regolamento del blog (valido anche nel canale Discord)

    • È vietato parlare o anche solo fare riferimento a materiale pirata e a scambio illegale di tale materiale. Per violazioni esplicite di questa regola si può arrivare anche al ban permanente e immediato;
    • È severamente vietata pornografia, gore e affini;
    • È da evitare lo spam nei commenti; i post considerati spam verranno cancellati senza alcun tipo di preavviso;
    • È vietato flammare o effettuare operazioni di trollaggio (provocare o insultare);
    • Si prega di non portare off-topic (fuori argomento) le discussioni presenti nei commenti;
    • È vietato mettere link fraudolenti come bitefight e giochetti simili, DJ suonerie e ricariche gratuite e così via;
    • È vietato mettere avatar ritraenti argomenti che possono essere offensivi o di cattivo gusto per la comunità. Ci riserviamo il diritto di cancellare qualsiasi avatar infranga questa regola;
    • Evitare di rincorrere al CAPS o “netiquette”, ovvero lo scrive frasi complete in maiuscolo, perché ciò equivarrebbe a urlare ed è considerata maleducazione nei confronti degli altri utenti;
    • È vietato inserire recensioni, opinioni o altri prodotti di terze parti senza accreditare all’autore i riconoscimenti e senza chiedere il preventivo permesso al blogger;
    • Qualunque utente sorpreso in multiaccount (cioè con più di un account) verrà bannato all’istante in tutti gli account in suo possesso;
    • Qualsiasi tipo di pubblicità a siti esterni non autorizzata dal blogger sarà rimossa e l’utente kickato;
  • Il regolamento di “Il Videogame Post” non si mette in discussione e nel caso di un’eventuale richiamo siete pregati di evitare di polemizzare sul regolamento.

3. Linee guida e tabella dei voti delle recensioni. Il mondo è sempre più frenetico e il bisogno di avere recensioni celeri è di pari passo  sempre più impellente. Tuttavia i videogame stanno diventando oltremodo più complessi perché si possa dare un giudizio a sole poche ore di gioco completate, e per questo la politica del Videogame Post sulle recensioni e quella di dare il parere definitivo una volta completata l’avventura di gioco ed esplorato tutte le sfumature dello stesso.

Non avrebbe quindi senso dare un giudizio a metà per rincorrere il primato di “recensione più veloce del mondo” (magari già raggiunto da qualcuno) che non porta al vero obbiettivo di un’attenta analisi di gioco: dare un giudizio il più possibile equo, oggettivo e vicino alle realtà del gioco stesso.

Ovviamente ognuno vive in modo leggermente diverso l’esperienza di gioco ed è per questo che ribadisco ancora una volta che recensioni rapide rischiano di essere dettate per lo più dalla emozioni, piuttosto che un mix di queste ultime e aspetti oggettivi, come gameplay, grafica e sonoro, come il videogame in questione si rapporta con altri del medesimo genere, solo per fare qualche esempio.

Di conseguenza, oltre che per definire meglio le conclusioni positivi o negative del caso, le recensioni del Videogame Post saranno anche classificate da 0 a 10, senza numeri decimali in mezzo a confondere il lettore, seguendo la scala dei valori nella seguente tabella:

10 – Un “master piece” un videogame che ha cambiato il mondo dei videogame e non può assolutamente mancare nella libreria virtuale di qualsiasi giocatore.
9 – Un videogame eccezionale e decisamente sopra la media nel proprio genere; da possedere pena – 2 punti in affinità videoludica.
8 – Un buon videogame (quasi rasente l’aggettivo ottimo) con qualche margine di miglioramento: ottimo per gli amanti del genere e abbastanza piacevole anche per chi si avvicina per la prima volta.
7 – Un discreto videogame con un ampio margine di miglioramento complessivo: godibile ma non troppo per chi si avvicina per la prima volta al genere o saga.
6 – La sufficienza: non è da evitare come la peste, ma alcuni difetti ne pregiudicano la godibilità videoludica e (a suo rischio e pericolo) l’esperienza di gioco di chi ama il genere: in altre parole si salva di poco.
5 – La mediocrità: si dimostra carente in diversi aspetti e solo un fedelissimo fan avrà il coraggio di giocarci.
4 – L’insufficienza: gli appassionati del genere avranno i nervi a fior di pelle e dovranno dare una grande prova di sé per giocare a questo videogame.
3 – L’orribile mehhh”: scarso in molteplici dei propri aspetti, anche un fan super affezionato avrebbe problemi a bloccare i propri impulsi a rilegare questo videogame in un angolino buio e oscuro della propria libreria, per scoprirlo soltanto vari anni dopo completamente impolverato.
2 – “È brutto? No, peggio!”: un voto che si assegna raramente in una recensione, ma ahimè anche le schifezze sono presenti nel panorama dei videogame.
1 – “Proprio pessimo”: qualcuno al solo nominarlo potrebbe prendere forconi e torce per invitare la softco che l’ha prodotto a una dura nottata di fatiche in una fattoria malandata della Transilvania, lato est.
0 – Indefinibile: il videogame più spazzatura che neanche gli sviluppatori più intrepidi e fuori dagli schemi vorrebbero vederlo arrivare negli scaffali, figuriamoci essere riconosciuti per averlo prodotto!

Vi è poi da specificare che non sempre vi è l’opportunità che un publisher possa fornire al Videogame Post una key gratuita per recensire il videogame di turno. In questo caso e nei limiti delle ristrette tasche del sottoscritto blogger (Matteo “Matteum Primo” Sechi) si cercherà di acquistare privatamente quei titoli che attirano con forza l’attenzione, di cui nutro il desiderio di recensirli.

Per questo il vostro seppur piccolo sostegno economico, che sia tramite PayPal o Patreon, è fondamentale per poter permettere al Videogame Post di crescere e spaziare da un genere all’altro senza perdere la propria indipendenza, o sottostare a publisher oppressivi che guardano solamente alle visualizzazioni e non alla qualità dei contenuti né tantomeno alla passione riversata in un blog dedicato ai videogame.

4. Credit.

  • dicembre 2017 – Ringrazio Andrea “Gikkio” per aver contribuito alla creazione del precedente banner e logo del Videogame Post;
  • aprile 2018 – Ringrazio Fabio “Binox” Binotti per aver trasferito il dominio e l’intero blog nel nuovo .NET, nonché aver curato parte della grafica del blog.

Il blogger,

Matteo “Matteum Primo” Sechi