Il Videogame Post.NET, quanto tempo! Si rimonta in sella

Comunicati

Quanto tempo cari lettori senza scrivere una riga di testo! Gli impegni della vita di tutti i giorni e un periodo non certo felice hanno fiaccato tanto l’impegno quanto la voglia di scrivere a riguardo di videogame.

Tuttavia, come dice il detto, “quando si cade da cavallo, si deve rimontare subito in sella”. In queste settimane di silenzio più totale, il vostro blogger ha cercato anche di fare un po’ di ordine e pulizia, mettendo in primo piano i podcast, che prenderanno il posto delle news scritte, e i contenuti esclusivi per i supporter di Patreon, quali guide, fanfiction e editoriali.

Proprio a riguardo di questo trio, la guida di Enderal: The Shards of Order rimarrà bloccata in attesa che il team di traduttori italiani rilasci il proprio lavoro nella nuova versione Enderal: Forgotten Stories da poco sbarcato su Steam. Tutto ciò per mantenere una coerenza con i nomi di località e personaggi già utilizzati nella nostra guida.

A prendere momentaneamente priorità nelle guide, al posto di Enderal, sarà My Time At Portia. Ho letto diverse ricerche effettuate sul blog riguardanti questo JRPG dai toni sandbox; dopo averlo backerato non rimane che scrivere una guida amatoriale che vi aiuti passo passo nel mestiere del costruttore.

Fanfiction e editoriali rimarranno blindati fino al ritorno a pieno regine, per non mettere troppa carne sul fuoco.

Priorità assoluta va’ invece data alla recensioni, e al nostro particolare “provato”, cioè una mini recensione per early access e demo, sia su Chef: A Restaurant Tycoon Game di Inner Void, che a alcuni indie della libreria di Indiexpo; ringrazio ancora una volta Nathan e Francesco per la pazienza.

Per quanto riguarda le impressioni sui titoli del momento, posso riassumere così in attesa di una più approfondita analisi: Anthem è un bel action che avrebbe dovuto essere limitato a una coop a quattro giocatori o solamente al single play, in modo da potersi godere la tipica trama alla BioWare. Se non vi piacciono le schermate di caricamento evitatelo.

Invece nella beta privata di Tom Clancy’s The Division 2 posso dire che da parte di Ubisoft c’è stato un tentativo di aggiungere contenuti attraverso il crafting, la raccolta di risorse e l’evoluzione degli avamposti, ma alla fine è la solita minestra che a quanto pare punta sempre ai contenuti end game. Questi ultimi speriamo più coinvolgenti del predecessore, con la modalità survival che si salva dalle critiche rispetto alle altre.

Insomma il programma per il prossimo futuro è bello carico. Auguratemi che questo periodo di transizione e caotico passi presto in modo che possa concentrarmi su di voi e su quello che più ci piace: parlare di videogame!

Grazie.
Matteo “Matteum Primo” Sechi

Tagged
Matteum Primo
Videogiocatore, blogger, redattore, recensore, scrittore di fanfiction e... è tutto.
http://ilvideogamepost.net/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *