Anthem: una costola multiplayer di Mass Effect? – Analizziamo i video

Editoriali In_Evidenza

Questo articolo è stato realizzato per i supporter di Patreon. Offrici un caffè aiutandoci a creare nuovi contenuti e unisciti a loro per visualizzare guide, editoriali e fanficition 3 giorni prima degli altri.

patreon

La demo di Anthem è in dirittura d’arrivo, e i fan tanto di BioWare e Electronic Arts che dei multiplayer cooperativi “alla Destiny” sono pronti a coglierne il gameplay.
IGN ha però già ricevuto l’esclusiva per provare in anteprima Anthem, e dai recenti video pubblicati nel canale YouTube IGN FIRST si è già potuto notare diverse cose su Anthem.

Ovviamente guardare un video e commentarlo, non equivale a giocare e sperimentare in prima persona. Ma immagini e spezzoni di gioco parlano da soli lasciando intravedere in diverse parti il tocco di BioWare. In ogni caso prendete il tutto come una riflessione del gameplay mostrato fino a oggi.

Sistema di combattimento

Il flop di Mass Effect Andromeda non è stata una bella pubblicità per uno studio di sviluppo che può vantare di aver creato la trilogia di Mass Effect, decisamente più di successo di Andromeda, nonché quella di Dragon Age.

Le meccaniche del sistema di combattimento e abilità di queste due saghe si possono notare in Anthem. Le “combo” introdotte in quest’ultimo non sono che l’estensione, se non copia, dell’unione dei poteri biotici e abilità di Mass Effect; l’effetto è lo stesso, cioè un gigantesco “colpo critico”.
Le abilità stesse delle Javelin, il nome delle corazze o esotute di gioco, sono paragonabili direttamente a Mass Effect, con specifici utilizzi in base ai nemici, tempi di ricarica e potenziamenti.

Non si va’ tanto lontano neanche nel gameplay stesso dei combattimenti: nonostante le Javelin possano volare, vi è una sorta di limite di stazionamento in aria in base alla classe. Si può notare infatti che il Colosso è la classe con meno stazionamento in aria, diretta controparte della Tempesta che sembra ideata per volteggiare in aria. Il combattimento di Anthem sembra quindi svolgersi per buona parte a terra, con qualche stacco per le azioni in aria.

Nel video sottostante ho potuto notare le esatte animazioni delle schivate con il jetpack di Mass Effect Andromeda su una Javelin di classe Intercettore: esattamente al minuto 3.10.

Esplorazione

Visto che è stata tirata fuori la meccanica del volo, IGN ha dichiarato che durante l’esplorazione del vasto mondo di Anthem ci saranno loot, collezionabili, easter egg e dei punti di interesse. Ad esempio il nucleo collassato di una reliquia faciliterà il vagare qua e là rigenerando il “livello di stazionamento in aria e permettendo di raggiungere più velocemente determinati luoghi”.

In questo caso il sistema di surriscaldamento dei razzi della esotuta sembra predisposto da BioWare per non far viaggiare i giocatori in costante linea retta. Ma piuttosto per fargli porre attenzione a luoghi dove poter evitare l’overheating e variare la quota con impennate e tuffi nel vuoto, scoprendo magari qualche boss o evento nel tragitto.

A proposito di tuffi, l’esplorazione subacquea sembra essere legata al solo spostarsi: non ci sono state infatti sequenze di combattimenti sott’acqua. Un vero peccato, perché l’ambientazione è suggestiva e si potevano variare le meccaniche; non è da escludere che vengano introdotte con un DLC.

Componente multiplayer

Come ogni multiplayer “Destiny-like”, anche Anthem avrà delle missioni giornaliere, incarichi mensili e eventi di gioco in tempo reale. Un giocatore potrebbe infatti capitare nel bel mezzo di un evento pubblico semplicemente esplorando; nulla di strano, nulla di nuovo.

Fin dall’annuncio ufficiale EA aveva dichiarato che Anthem sarebbe potuto essere giocato offline, seguendo le missioni della campagna, e online con altri 3 amici per cooperare.
L’esperienza di precedenti titoli simili, come For Honor o Tom Clancy’s The Division (benché quest’ultimo sia un always online) mi hanno insegnato che quando si tende verso questa direzione la modalità “single player” è quella più castrata. Non ha senso fornire una tale modalità per precludere ai giocatori buona parte del gameplay ideato altrimenti, ma il marketing è marketing e si cerca di attirare il massimo dell’utenza.

Tuttavia a differenza di For Honor e Tom Clancy’s The Division, Anthem sembra avere una trama, degna di essere chiamata tale almeno all’apparenza. In questo caso giocarlo solo in single player potrebbe, ribadisco potrebbe, valerne la pena. Sebbene tutte le carte in tavola mostrino che l’approccio più divertente sia in compagnia.

Personaggi e Fort Tarsis

Durante la mezz’ora di gioco mostrato in via esclusiva da IGN durante la settimana, un intero video è stato dedicato alla girovagare per Fort Tarsis (forse il luogo iniziale dell’avventura di Anthem).

All’interno dell’avamposto si può notare concretamente il classico tocco di BioWare, sebbene rimangono i dubbi della presenza di una concreta trama fino alla prova pad alla mano di Anthem.
I personaggi non giocabili (o NPC) forniscono missioni, spunti per la lore e svolgono il ruolo di commercianti, il che mi è sembrato di essere in un Dragon Age di nuova generazione.

Il sistema di animazioni facciali ancora un po’ da rifinire ma decisamente meglio di quello visto in Mass Effect Andromeda (*sospiro di sollievo*).

Quello che mi ha attirato di più nei video di IGN riguarda tuttavia un’abbozzata scelta di dialogo a due risposte. Il protagonista, o freelancer che impersoneremo, si è visto scegliere varie risposte ma non si sa fino a che punto queste influenzeranno la trama o le “relazioni”, di cui si è annunciata la presenza.

Se la trama sarà story driven come classico che sia all’interno dei videogame BioWare allora le scelte di dialogo saranno un po’ marginali e votate solo a scoprire qualche retroscena, ma la trama sarà solo una e non variabile.

Romance? Non se n’è sentita traccia né ovviamente vista alcuna. BioWare le terrà ben nascoste per la release? Una curiosità riguarda il fatto della presenza di una sorta di wiki di gioco interna che ricorda quella dei Mass Effect: in Anthem avremmo il Cortex, a differenza del Codex.

Classi di gioco

Le classi di gioco fin’ora mostrate sembrano direttamente arrivate da Mass Effect. La Tempesta non è altro che il Biotico incaricato di innescare combo e fornire supporto; il Colosso è il tank della situazione come lo era la Sentinella di Mass Effect; l’Intercettore è una sorta di Ninja della Cerberus; e il Guardiano (For Honor?!) è un tutto fare che non eccelle in niente, una sorta di mix di classi.

È interessante notare che la classe del Colosso è l’unica non avere uno scudo energetico, ma piuttosto uno fisico utilizzabile come abilità.

Grafica e Interfaccia

Menzionando brevemente l’interfaccia si possono notare in alto a sinistra la barra degli scudi e della vita; in basso a destra quella delle abilità e armi; mentre poco sopra il diario con le missioni; la bussola con punti cardinali e eventi sta in alto; e dei piccoli riquadri a sinistra indicano bonus e malus; mirino al centro e barra dell’overheating dei razzi poco sotto il Javelin, durante il volo. Non manca l’interfaccia su schermo riguardante nav point e punti di interesse.

La grafica dei video mostra diverse sbavature con texture e modelli poligonali dei personaggi poco rifiniti. I paesaggi invece sembrano più avanti con lo sviluppo; d’altra parte quella provata è la versione alpha di Anthem, quindi va bene così.

Conclusioni

Come anticipato, le mie conclusioni su Anthem sono lontanamente al di là di quelle definitive. A fine gennaio i possessori dell’Electronic Access e chi avrà preordinato il gioco potranno provare una demo.

Attualmente posso dire di essere diviso a metà: da una parte scettico verso una trama che potrebbe essere ancora una volta marginale, lasciando spazio a un gameplay alla fine ripetitivo e solo “dove devi ammazzare cose”, che sarebbe anche in contro tendenza con il tocco creativo da parte di BioWare. Mentre dall’altra sono curioso di tuffarmi nell’universo di Anthem con l’esotuta pronta a tutto.

L’impressione generale mi porta comunque a dire che Anthem sembra una modalità multigiocatore di Mass Effect nei panni di un gioco completo.

Sbaglierò? Solo il tempo potrà dirlo o la diretta Twitch di questa sera.

Tagged
Matteum Primo
Videogiocatore, blogger, redattore, recensore, scrittore di fanfiction e... è tutto.
http://ilvideogamepost.net/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *