For The King lascia l’early access: le procedurali avventure di Fahrul hanno ufficialmente inizio

News

Il piccolo Indie game For the King è uscito ufficialmente su Steam e GOG.com qualche giorno fa, portando a compimento lo sviluppo quadriennale del team IronOak Games, supportato di recente da Curve Digital Games, e una campagna su kickstarter abbastanza di successo a cui aveva partecipato anche chi vi scrive.

For the King è un particolare gioco di ruolo procedurale dove non vi è spazio per la sconfitta totale del party la quale porterà al game over.

Sebbene quindi i progressi fatti in termini di esperienza guadagnata e quest completate vadano perduti nell’eventuale sconfitta, dei particolari manoscritti raccolti durante l’avventura sbloccheranno permanentemente personaggi principali e giocabili, oltre che alcuni secondari che potranno offrire aiuti e altre missioni di gioco tutte incentrate nel salvare il regno indebolito dalla recente morte del re da forze malvage e misteriose.

For the King

La rigiocabilità fa quindi parte del gameplay che si divide tra fasi esplorative nella mappa di gioco e di combattimento a turni. Ma la vera punta di diamante sta nel fatto che For the King era già riuscito nella propria beta a offrirmi una buona varietà di partita nelle fasi di gioco intermedie e avanzate, in quanto l’inizio è sempre il medesimo, limando a modo suo la classica ripetitività dei videogame procedurali.

Se quindi si accosta il particolare gameplay e proceduralità della mappa, un combattimento a turni con profonde meccaniche che tengono conto di punti deboli e di forza delle varie classi dei protagonisti e dei nemici, a uno stile grafico pixeloso ma ugualmente ben curato insieme alla presenza della localizzazione italiana, non si può che essere almeno un po’ attirati dal provarlo; cosa che dovrà essere fatta per bene in quanto la build ora disponibile, sia per i backer (con varie aggiunte dal finanziamento su kickstarter) sia per chi fosse interessato su Steam e GOG.com, differisce un po’ dalla beta.

Non rimane che rimandare il giudizio finale di For the King e vedere se l’allora promettente “scintilla” che avevo scorto nel backerarlo è riuscita a trasformarsi in un accecante bagliore.

Tagged
Matteum Primo
Videogiocatore, blogger, redattore, recensore, scrittore di fanfiction e... è tutto.
http://ilvideogamepost.net/

Rispondi