[Aggiornata] Kingdom Come: Deliverance, "avremmo voluto più tempo per migliorare il gioco" ha dichiarato Martin Klima

News

[Originale] È innegabile che nonostante tutta la buona volontà posta dal team Warhorse Studios, il proprio GdR Medievale Kingdom Come: Deliverance non sia arrivato nelle mani di fan e critica nel migliore dei modi, con diversi bug che anche il sottoscritto ha potuto constatare di persona, legati per lo più alle quest secondarie e all’IA di gioco, nonché a un generale sensazione di limitate risorse impiegate.
“Avremmo voluto più tempo per migliorare il gioco”, ha esordito l’executive producer Martin Klima in una recente intervista concessa a VG24/7.com, aggiungendo che nonostante tutte le intenzioni fossero quelle di realizzare un gioco ottimizzato che puntasse agli standard tripla A, “Kingdom Come: Deliverance non appartiene a tale categoria, ma neanche a quella degli indie. Piuttosto si pone in mezzo: è più hardcore, è più esigente e impegnativo, nonché più fiero”.
“Ovviamente la nostra creazione non può rivaleggiare con giochi come Assassin’s Creed e Shadow of War, per quanto siano più casual e ‘user friendly’ rispetto a KCD: non ne avevamo le risorse materiali”, ha ammesso Klima.
Kingdom Come - Deliverance (29)
Tutto ciò era comprensibile vista una campagna kickstarter non eccezionale e un cambio di rotta a metà dello sviluppo che ha fatto tagliere feature su cui Warhorse Studios avevano dedicato tempo e denaro, per lasciare spazio all’ottimizzazione di quelle rimaste, su tre differenti piattaforme, vi è da notare, come ha svelato lo stesso executive producer sempre durante l’intervista.
“Tuttavia penso che abbiamo anche fatto qualcosa di buono”, e questo è ugualmente vero perché il combat system, la trama e personaggi di gioco (escluso il fastidioso effetto clone degli NPC non principali) raccontano ognuno una storia tangibile, reale e mai banale come potrei comparare a un The Witcher, anche se bisognerà aspettare la conclusione della trama per esserne certo e magari avere una spinta dai nuovi contenuti che dovrebbero arrivare nel prossimo futuro, come un DLC con una protagonista femminile e la tanto attesa patch che sistemi i problemi principali di Kingdom Come: Deliverance.

Qual è il vostro pensiero a riguardo? Warhorse Studios avrebbe dovuto aspettare di più prima della release?

[Aggiornata] E proprio a proposito di patch, attraverso il proprio profilo Twitter il creative director Daniel Vàvra ha appena svelato che il più è fatto per il via alla pubblicazione dell’aggiornamento di gioco.

Tagged
Matteum Primo
Videogiocatore, blogger, redattore, recensore, scrittore di fanfiction e... è tutto.
http://ilvideogamepost.net/

Rispondi