Tutto queste allettanti informazioni arrivano direttamente da un corposo articolo pubblicato dalla testata giornalistica Kotaku, in cui sembra aver spremuto per bene le proprie fonti sulla tanto riservata BioWare.
Partendo dal controverso Anthem il quale si è mostrato con uno spettacolare video del gameplay allo scorso E3 2017, secondo le fonti di Kotaku la finestra di lancio ufficiale sarebbe slittata dall’autunno 2018, al mese di marzo 2019.
Come si può facilmente immaginare il posticipo è stato fatto per dare più tempo agli sviluppatori in modo da non commettere il madornale errore fatto con Mass Effect: Andromeda, autentico flop della saga sci-fi, oltre che per “per via di problemi tecnici riscontrati con il motore di gioco Frostbite che non farebbe al caso del gameplay di Anthem”, secondo alcune voci di corridoio.

Passando all’ipotetico nuovo capitolo della serie Dragon Age, sempre secondo quanto riportato dalla testata straniera quest’ultimo nel suo precedente nonché nascosto percorso di sviluppo avrebbe puntato ad avere degli “elementi vivi” (riporto letteralmente) nel gameplay di gioco, anche se le medesime fonti di questo “leak” non avrebbero chiarito a cosa si possa riferire aggiungendo invece che il gioco avrebbe avuto comunque la propria forte componente narrativa e legata ai personaggi “quando sarebbe stato pubblicato”.
Da tutto questo si può forse notare un po’ di incertezza da parte di BioWare nel portare avanti la serie Dragon Age, oppure la voglia di sperimentare qualcosa di nuovo portando dell’aria fresca al franchise; l’ardua sentenza ai posteri.
Infine sebbene come abbia dichiarato Kotaku, BioWare si stia principalmente focalizzando su Anthem e altri progetti, si continua a parlare all’interno degli studio della conclusione dello sviluppo del massive multiplayer online Star Wars The Old Republic.
I team di BioWare si stanno dando da fare, ma per vederne i risultati bisognerà ancora aspettare.