Ed ecco la chicca che mi ha colpito di più in questa prima infornata di giochi dal Paris Game Week 2017: Ghost of Tsushima.
L’idea di quello che poteva essere un Assassin’s Creed con i contro fiocchi è stato invece quasi trasformata in realtà da Sucker Punch: un gioco d’azione con un mondo aperto ambientato nel Giappone feudale del XIII secolo.
Secondo le prime informazioni il periodo storico in cui si svolgeranno gli eventi di gioco sarebbe quello dell’invasione mongola ai danni del Giappone nell’anno 1274, in cui la così detta “Orda D’oro” aveva pianificato l’invasione via mare dalla Corea per poi sbarcare in terra nipponica nell’isola di Tsushima.
“In Ghost of Tsushima giocherete nei panni di un maltrattato samurai dall’onore ferito… Nel trailer vedrete il leader mongolo, un tipo che descriverei come un assassino spietato, cercare di intimidire il nostro eroe. È tutto lì, in quella piccola sequenza. La potenza dell’impero mongolo si contrappone quindi alla purezza, letalità e determinazione dei samurai”, ha dichiarato Nate Fox nel comunicato ufficiale rilasciato a PlayStation.blog.
Il quale ha continuato: “siamo emozionati di poter finalmente parlare del nostro videogame e non vediamo l’ora di condividere con voi nuove informazioni”, che purtroppo penso che arriveranno nei primi mesi del 2018.

Impressioni senz’altro positive, ma c’è ancora troppo da scoprire per dare un giudizio adeguato di questa esclusiva PS4; l’hype però c’è!